• Pubblicata il:
  • Autore: EUGENIO YANG
  • Categoria: Racconti mature
  • Pubblicata il:
  • Autore: EUGENIO YANG
  • Categoria: Racconti mature

IRIS LA POMPINARA – parte 2 – Sondrio

Da ciò deduco che sicuramente ne ha assaggiati diversi e non è neanche la terza fellatio in cui si cimenta, ne avrà fatte centinaia!
- Ce l'hai abbastanza grande per essere un cinese... le mie amiche dicevano che ce l'avevi piccolo, invece...
Stupito, la guardo e chiedo:
- Le tue amiche... e chi sono?
- Non frequento più quelle stronze da quando hanno iniziato a parlare male di noi.
- Ma chi sono?
Non risponde, e ricomincia a succhiarmi abbassandosi e alzandosi lentamente, mi lecca anche le palle. Ce l'ho duro come un wurstel surgelato quando Iris si alza e in un attimo si toglie la felpa e riamane nuda. Si mette a cavalcioni e si auto-penetra facendo scivolare il cazzo nella vagina già incredibilmente calda e bagnata. Ora ho la certezza che non è nemmeno vergine!
Si muove su e giù in fretta e geme di piacere.
- Aaaah baby.... ooooooohh...
Ci baciamo e lei mi morde il labbro. Mi monta sempre più velocemente e si dondola oscillando le anche. Spero che non esageri, altrimenti potrebbe fratturarmi il pene. Le stringo le natiche, le infilo il dito medio nel culo, e raggiunge rapidamente un potente orgasmo, con tremori simili a convulsioni. Continua la monta riprendendo fiato, poi si sfila e afferra di nuovo il mio cazzo, lo lecca e lo succhia con violenza. Mi guarda come per dire: “Eiaculami in bocca!”, così mi lascio andare e le sparo circa 10 ml di sperma cinese in gola. Le schiaccio il cazzo sul viso e il mio seme continua ad eruttare. Iris si lecca le labbra, mi lecca la cappella e succhia ancora. Mi fa vedere che ha la bocca piena e la deglutisce. Poi succhia di nuovo fino a quando il cazzo non è completamente pulito e lo bacia.
Sono sorpreso dalla sua padronanza della situazione. Addirittura, dopo avermi costretto a bere due bicchieri di Sassella, apre un cassetto e tira fuori un flacone di gel lubrificante Akuel. Non so come intende usarlo, ma mi prende la mano e mi conduce in camera da letto. Si versa una cucchiaiata tra le dita e si unge per bene il buco del culo. Subito dopo, regalando nuovamente al mio pene a riposo qualche leccata e qualche risucchio, me lo fa tornare in erezione, si posiziona a cagnolino e divarica le gambe. Ora capisco cosa desidera . Mi arrampico sul letto, guido il cazzo verso la sua porta del retro ben oliata e la penetro senza difficoltà, il che mi fa sospettare che anche quella sua parte anatomica non fosse inviolata. Comunque, con la seconda erezione resisto più a lungo, e il mio giovane pene resta sepolto nel profondo del suo culo fino a collezionare due orgasmi suoi e uno mio. Soddisfatta, Iris mormora:
- Uhmmm... baby, stiamo insieme da più di un mese... cosa aspettavi?
FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!